assegno di mantenimento

ASSEGNO MANTENIMENTO E DIVORZIO

L’assegno di mantenimento è il contributo che il marito versa alla moglie dopo la separazione e prima del divorzio. La ratio è quello di eliminare ogni disparità di reddito tra moglie e marito.
L’assegno di divorzio invece, è il contributo che il marito versa alla moglie dopo il divorzio e fino a quando non interviene una nuova pronuncia del Giudice che lo revoca o lo riduce.
Trascorsi i termini della separazione i coniugi possono rivolgersi al Giudice perché pronunci sentenza di divorzio. In questo caso l’assegno di mantenimento verrà sostituito dall’assegno di divorzio.
Ed è proprio sull’assegno divorzio che è intervenuta la Cassazione (sent. n. 11504/17 del 10.05.2017).
Infatti, con la citata sentenza i giudici della Cassazione affermano che con il divorzio il rapporto coniugale viene meno e, pertanto, non vi è più ragione di garantire alla moglie lo stesso tenore di vita di cui godeva durante il matrimonio. La ratio dell’assegno di divorzio deve essere, quella di garantire alla moglie una “autosufficienza economica” ovvero ”poter badare a se stessa”.
In materia di diritto di famiglia, è sempre possibile modificare le decisioni del Giudice quando si verificano nuovi elementi che mutino le condizioni economiche degli ex coniugi.
Antares Investigazioni effettua accertamenti sulla reale capacità  economica dell'ex coniuge ricercando, anche da fonti di reddito non ufficiali, le prove che permettono di variare a proprio vantaggio la misura dell' assegno.

ASSEGNO DI MANTENIMENTO ultima modifica: 2018-03-04T15:23:54+00:00 da zaza